Liste d’attesa: no dell'Anaao al pensionamento a 72 anni

Servizio sanitario nazionale

Liste d’attesa: no dell'Anaao al pensionamento a 72 anni

di redazione

L’Anaao Assomed, il principale sindacato dei dirigenti del Servizio sanitario nazionale, stigmatizza «l’ennesimo tentativo» di mantenere in servizio il personale sanitario fino a 70 anni seppure su base volontaria, e fino a 72 per il personale docente a tempo pieno in strutture afferenti al Servizio sanitario nazionale.

L’emendamento al decreto legge anti liste d’attesa presentato in Senato dalla maggioranza «è semplicemente scandaloso», commenta il segretario nazionale Anaao Assomed Pierino Di Silverio. «L’ossessione di voler riproporre, dopo numerose bocciature, una norma ad personam per consentire ai “baroni” una carriera infinita – sostiene - è quasi diabolica. Se poi qualcuno pensa che questa sia la soluzione per risolvere il problema delle liste di attesa è sulla strada sbagliata: servono investimenti, assunzioni e condizioni di lavoro degne di un Paese moderno».

Di Silverio aggiunge di non poter accettare che «ancora una volta i soliti noti anziché pensare al bene del servizio pubblico si prodighino per favorire l’amichettismo puro per salvare poi poco meno di mille professionisti! Facciamo appello al Presidente del Consiglio dei ministri – conclude il segretario nazionale dell'Anaao - perché metta fine allo scambio di favori clientelari. Noi sappiamo da che parte stare».