Dalle Associazioni un piano d’azione per una sanità a misura di pazienti

Il Progetto

Dalle Associazioni un piano d’azione per una sanità a misura di pazienti

di redazione

Le Associazioni di pazienti «devono essere inserite fra gli autori delle politiche sanitarie e coinvolte nella definizione degli obiettivi, dei percorsi di presa in carico, degli strumenti con cui realizzarli e degli indicatori con cui valutarli». A chiederlo sono 50 sigle di realtà associative nel documento Azioni e proposte per una sanità a misura di paziente, presentato giovedì 17 novembre a Roma nel corso dell’evento PATH – Join our future.

Il documento è il risultato dell'impegno corale avviato lo scorso giugno con due giorni di lavori che hanno visto confrontarsi oltre 60 delegati di Associazioni di pazienti di diverse aree sui temi di co-creazione, territorio, efficacia dei servizi, telemedicina, evidence generation e data privacy.

In sintesi, l'articolato Piano presentato propone la definizione a livello nazionale dei requisiti e delle condizioni minime di partecipazione delle Associazioni nelle fasi di programmazione e di verifica di attuazione delle politiche sanitarie; l'istituzione di un comitato delle Associazioni di pazienti e di un Gruppo di lavoro "Buone pratiche" nell’ambito dell'Agenas, l'Agenzia per i servizi sanitari regionali; programmi formativi di telemedicina per gli operatori sanitari; registri di patologia più ampi e implementazione del Fascicolo sanitario elettronico; la valutazione di efficienza e qualità dei servizi di telemedicina a garanzia dei Livelli essenziali di assistenza (Lea).